Pro e contro del caso Móricz: introduzione

 

 

Grazie a Internet, sono stati pubblicati numerosi articoli e opinioni sull’annuncio e le

pregresse attività di János Móricz. Alcuni di questi sono stati compilati solo da

informazioni, spesso senza citazione.

Alcuni autori hanno seguito in maniera rispettosa la storia, condotto interviste e

condotto ricerche più serie sulla fonte.

Un numero crescente di fortunati ha anche avuto l’opportunità di orientarsi sul

campo. Non è necessario lamentarsi dei revisori che non hanno camminato sul

campo, poiché tutti possono costruire solo da ciò che è a loro disposizione. Riguardo

al fatto che qualcuno di questi non abbia viaggiato in Ecuador, è comunque in grado

di pensare logicamente in base alle informazioni disponibili. Lo stile sempre più

beffardo di espressione dell’opinione non dipende dalla capacità dell’autore di

ragionare, ma dalla sua educazione. Contro di questo non posso combattere.

La “abbondante” mancanza di informazioni negli articoli disponibili, interviste,

corrispondenza, diari di viaggio – per comprendere, la mancanza di prove concrete –

solleva correttamente la domanda: se riguardo a qualcosa non si è giunti a dire la

parola fine dopo tutto questo tempo, è lecito dire che la storia stessa sia una bugia?

Un’affermazione può essere motivata esclusivamente sulla base di prove e

correlazioni circostanziali?

 

 

 

 

Convincente, ovviamente NO. Per quanto i malintesi che sono già stati chiariti sono

ulteriormente ostacolati dagli ossessionati negazionisti del World Wide Web (es.

tribù di nativi americani che parlano la lingua ungherese – questa è la mia

preferita),di conseguenza pubblico la mia posizione attuale spiegando un argomento

alla volta, il che non significa che prove successive non possano prevalere.

Questo può anche semplificare la mia vita successiva, poiché non sono in grado di

spiegare i miei argomenti in relazione a questo tema per ogni voce forse fuorviante

secondo il mio punto di vista) su un qualsiasi sito Web. D’altra parte, risparmio il

lavoro di tutti coloro che sono solidali con me sull’argomento, i quali di volta in volta

saltano addosso come una tigre madre infuriata contro l’autore di un post polemico

in scadenza, malizioso o solo di diversa opinione. Pertanto, presento le

argomentazioni e le controargomentazioni sull’argomento aprendolo agli interessati

come una sorta di “pacchetto”.

Annuncerò presto il primo articolo che solleverà la questione della natura “artificiale”

del sistema Tayos…

 

 

Parte 1: artificiale o non artificiale?

 

 

Una delle affermazioni di base di János Móricz era che aveva scoperto un mondo

sotterraneo in Sud America. La parola scoperta non è corretta in questo caso,

poiché dice che nell’estate del 1965 fu condotto nelle profondità del sistema di

caverne di Tayos e poi lì (ne parlerò più avanti) fu introdotto a una raccolta di reperti

di una precedente civiltà. Il termine corretto per l’attività di Móricz è la parola

NOTIZIA- non avendo presentato prove dei reperti.

Secondo la teoria di Móricz, una precedente civiltà sotto la terra avrebbe potuto

sopravvivere all’antico cataclisma che colpì la Terra. Nelle sue relazioni menziona

più volte la natura ARTIFICIALE delle stanze sotterranee, delle grandi sale e dei

passaggi.

Questa conduce anche a diversi livelli distinguibili. Ciò è supportato anche dalla

menzione di una struttura fantastica.

Nel libro dal titolo “La storia documentata della ricerca sulle caverne di Tayos” del

dottor Gerardo Peña Matheus nel XXV capitolo (Il dibattito) recita: “Una parte

molto interessante del suo racconto menziona un trapano chiamato” scarabeo “nella

mitologia, con l’aiuto del quale le persone di questa supercivilizzazione cosmica

hanno scavato i tunnel. Dovrebbe essere notato tra parentesi che non ho

menzionato in più di un’occasione che questa struttura esiste in uno stato

perfettamente conservato. C’è un’altro esempio nello stesso posto in cui questi

esseri cosmici l’hanno lasciato, che un giorno sarà conosciuto dalle generazioni

future. ”

 

 

Dove potrebbe essere questo trapano, se esiste? La

presenza di un trapano in loco non è necessaria per

stabilire se un tunnel sia di origine artificiale o meno,

poiché il tunnel artificiale ha le sue caratteristiche.

Finora non ho riscontrato alcun segno di questo. Se

l’antica civiltà si fosse insediata sottoterra e non ne

apparissero tracce in superficie, allora il nascondersi

 


La discesa nella Grotta dei Tayos

 

 

potrebbe essere stato il loro scopo. Una spiegazione ragionevole è che le grotte

artificiali superiori sono state utilizzate solo come sistema di ventilazione, garantendo

così una migliore fornitura di aria ai livelli inferiori, garantendo così la mimetizzazione

superficiale. Non mi è noto in questo momento che sarebbe possibile scendere a

livelli più profondi dalla famosa scadenza del Monte Nankupas (qui è la Porta di

Móricz), ma Móricz ha reso pubblica questa entrata al sistema.

 

 

La spedizione del 1969 aveva solo lo scopo di provare l’esistenza del sistema delle

caverne, la continuazione che dimostrava l’esistenza del manufatto fu interrotta dal

governo in quel momento. Poiché all’epoca non vi erano geologi o speleologi tra i

partecipanti, le formazioni delle caverne regolari venivano visualizzate (Porta di

Móricz, soffitto “lucido” …) la loro visione ha confermato loro l’affermazione di Móricz

che recano tracce di intervento artificiale. Questo si rivela molto bene nel libro e nella

conferenza del dott. Peña a Körmend (HU).

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=Xc9K7l0GuD8

 

 

La spedizione di esperti britannico-ecuadoriani

del 1976 guidata da Stanley Hall smentì

fermamente questa affermazione!

 

Tuttavia, ho un dubbio sulla veridicità di

questa affermazione. Il team, che ha mappato ufficialmente

il tratto di 4.600 metri, ha percorso distanze ancora

maggiori, 15-17 chilometri, secondo i dati a nostra

disposizione.

 

 

Stan Hall disse in un punto che avrebbe gettato il film

girato nella grotta nel fiume Zamora piuttosto

che consegnarlo agli ecuadoriani.

È solo una speculazione da parte mia, ma se le Sale dove

si recò la posizione di Hall fossero state solo naturali,

cosa non volevano mostrare ai loro partner locali? Forse sono scesi al livello

inferiore da qualche parte e lì si sono trovati davanti a prove di interventi artificiali ?

Non la penso così per due motivi. Da un lato, una stretta collaborazione e amicizia si

sono sviluppate tra Hall e Móricz, nonostante il fatto che János prese le distanze dal

partecipare a questa spedizione a causa del rifiuto delle sue rigide condizioni. Se

Hall avesse visto qualcosa di eccitante, sarebbe andato lì più tardi. Tuttavia, dopo la

morte di János Móricz nel 1991, ha continuato le sue ricerche su un’altra linea

(Petronio Jaramillo).

 

 

 

La mia altra argomentazione contro questo è che nella competizione della Guerra

Fredda all’epoca, al “blocco occidentale” sarebbe stata data l’opportunità di ottenere

un vantaggio ricercando e utilizzando qualsiasi tecnologia più avanzata che vi si

fosse potuto trovare. In p caso, gli Stati Uniti, conoscendo i loro metodi, avrebbero

“esportato la democrazia” in Ecuador già nel 1976. Oltre a rubare 3 scatole di

ritrovamenti di grotte negate, non c’è davvero nulla da trovare segreto nelle attività

della spedizione del 1976. C’è un altro personaggio stimolante sull’argomento, di

nome jJulio Goyen Aguado. É un fedele compagno di ricerche di Móricz , un tempo

mormone, che János condusse alla Biblioteca di Metallo nel 1968. Julio Goyen era

anche il presidente della Società di Speleologia dell’America Latina in “civile”, quindi

aveva visto alcune grotte, aveva tutta l’esperienza per distinguere le cavità naturali

da quelle artificiali. Non poteva quindi nemmeno lui essere guidato in buona fede

come uno dei partecipanti alla spedizione del 1969.

Julio rimase fino alla fine al fianco di Móricz, quindi presumo giustamente che

vedesse prove che lo convinsero. Ma neanche questo dimostra nulla …

“Le Cronache di Akakor” di Karl Brugger non può essere considerata una fonte

affidabile, nonostante nel 1967 János Móricz abbia incontrato in Venezuela Hans

Günther Hauck, Tatara Nara nel romanzo, e gli abbia parlato del mondo sotterraneo

delle Ande.

Pertanto, la fonte originale del libro – e più recentemente il film ad esso ispirato

“Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo”, in cui la capitale era chiamata

Akator – era in effetti János Móricz. Nell’appendice alla fine del libro, descrive i

riferimenti letterari che supportano la storia. Sotto la rubrica “Tredici rifugi

sotterranei” leggiamo:(traduzione mia): “Secondo le Cronache di Akakor, gli antichi

padri hanno costruito gigantesche città di pietra più di 10.000 anni fa, tra cui tredici

città sotterranee e tunnel trapezoidali che si estendevano nella regione amazzonica.

Finora, le città sotterranee sono apparse solo in miti e leggende. La tradizione

tibetana parla del regno sotterraneo di Agartha. Gli indiani del Nord America

conoscono le vaste grotte in cui gli “uccelli della tempesta” degli dei erano protetti e

curati. I tunnel sotterranei sono stati scoperti in tutto il mondo.”

 

 

 

 

In Perù e Bolivia, scienziati ed esploratori hanno trovato ampi passaggi in pietra che

sarebbero difficili da costruire anche con le attrezzature tecniche di oggi. La

peruviana “Seria Documental del Peru” descrive anche una spedizione effettuata dai

membri dell’Università di Lima nel 1923. Accompagnati da esperti speleologi, gli

scienziati hanno fatto irruzione nei tunnel trapezoidali di Cuzco. Sono state effettuate

le misurazioni del tunnel sotterraneo che portava alla costa. La comunicazione con

l’ingresso è stata quindi persa. Dodici giorni dopo, solo un membro della spedizione

tornò in superficie da solo, quasi morente di fame. Ma il suo rapporto fu così confuso

e imbarazzante riguardo al labirinto sotterraneo da essere così incredibile che lo

sfortunato esploratore fu dichiarato pazzo dai suoi colleghi. Per prevenire ulteriori

situazioni di pericolo, la polizia ha vietato l’accesso ai misteriosi percorsi di entrata e

fatto saltare in aria l’ingresso con la dinamite. Il grande terremoto del 1972 a Lima ha

reso visibili le strutture sotterranee. Durante il loro lavoro di salvataggio, i tecnici

hanno trovato lunghi percorsi di cui nessuno sapeva. Un esame coerente e

sistematico delle fondamenta di Lima ha portato alla sorprendente scoperta che gran

parte della città è stata attraversata da tunnel, i quali in totalità portavano alle

montagne. Ma i loro punti conclusivi non possono essere noti perché sono crollati

nel corso dei secoli.

Chi ha costruito questi punti di ingresso? E quando sono stati costruiti? Dove

conducono? Delle molte teorie, solo due forniscono una spiegazione logica. Il primo

menziona le vie di fuga Inca costruite dopo l’arrivo dei conquistatori spagnoli. Il

secondo si basa su leggende inca che attribuiscono i tunnel a un popolo antico.

Montesinos scrive in Memorias Antiguas, Historales, Politicas del Peru. nella sua

opera: “Cuzco e la città in rovina di Tiahuanaco sono collegati da una gigantesca

strada sotterranea. Gli Incas non sanno chi l’abbia costruito e non sanno nulla degli

abitanti di Tiahuanaco. A loro avviso, fu costruito da un popolo molto antico che in

seguito si ritirò nelle giungle dell’Amazzonia “.

Nel film ecuadoriano Tayos (2017), dichiaro (dalle 00:33:15): “Móricz afferma che il

sistema di grotte Tayos fa parte di un enorme sistema di caverne che è collegato da

passaggi artificiali ai livelli più profondi e che una volta avevano messo esponenti di

una civiltà antica od aliena.

 

 

Móricz menziona che da qualche parte nel sottosuolo ha

anche trovato un trapano per perforare i tunnel che collegano i passaggi della

caverna. Se solo metà di ciò fosse vero, sarebbe bene riscrivere i libri di storia … ma

questa è una teoria piuttosto azzardata per ora, sono necessarie ulteriori ricerche

sull’argomento. ”

Poi continuo così alle 1:20:16: “I laici possono essere ingannati dalle molte forme di

natura che le formazioni geologiche possono creare. In effetti, la regolarità delle

rocce e delle fratture che colpiscono il calcare divide la roccia in blocchi piuttosto

carini e regolari. Questo davvero appare così come fosse davvero una struttura

artificiale. In questa spedizione, alla quale ho avuto la fortuna di prendere parte, mi

sono convinto con i miei occhi che queste sono tutte formazioni geologiche naturali,

nessuna traccia di un capomastro intelligente. ”

Il film può essere visto qui (non gratuitamente):

 

 

 

Questa opinione mi ha causato risentimento da parte del Dr. Gerardo Peña

Matheus. Si è lamentato del fatto che una persona che era il leader dell’associazione

ungherese sostanzialmente non credesse in János Móricz. Nel nostro ultimo

incontro, abbiamo chiarito che considero l’obiettività più importante della fede cieca.

Considero mio compito fondamentale chiarire i malintesi, mettere al loro posto le

cose che non possono essere dimostrate. Ciò che non posso sostenere

professionalmente, non posso svilupparlo in seguito senza contraddizione. È

importante sottolineare che non ho visto segni di intervento artificiale nelle sezioni

che ho visitato. Ciò non esclude la possibilità che ciò non possa essere documentato

in seguito (Móricz menziona due livelli inferiori). Se avrò l’opportunità di esaminare

queste sezioni con i miei occhi, ovviamente riferirò i risultati.

 

 

 

La serie “Unknown” di History Channel Expedition presenta un film che mostra

l’interno della grotta con filmati eccellenti. Dal minuto 23:10 possiamo vedere la

formazione chiamata Porta Móricz. In questo caso, il laico può essere facilmente

ingannato dal gioco della natura, mentre qui incontra una cosa normale con

un’impressione di essere costruita. Dal minuto 35:40 mostrano una formazione

coperta di stalattiti che dà l’impressione di una scala. Guardando questi due dettagli,

si potrebbe facilmente credere che siano i prodotti di un intervento artificiale, ma la

natura può creare cose del genere!

 

 

https://www.youtube.com/watch?

v=Ej8KSxYFwwQ&list=PLjKyTrfp1BX2IBIiK378TeK9g-6aMH6WE&index=6

 

 

Le forme di semina delle colline calcaree dividono le masse rocciose in blocchi,

spesso lungo piani paralleli.Tuttavia, il calcare depositato in modo orizzontale può

anche scorrere lungo i piani del livello, creando una ricchezza di forma come se

fosse costituito da blocchi di costruzione. Chi potesse osservare stando in piedi le

formazioni scintillanti e giocose della natura, può distinguere l’artificiale dal naturale

senza esperienza e / o qualifiche serie.

Di conseguenza, è diventato quasi di moda considerare artificiali diverse formazioni

che “certificano” la nostra storia antica nascosta, dalle concrezioni regolari di sfere di

pietra a cose più sottili.

 

 

 

Un esempio lampante di questa follia è il caso delle “piramidi” dell’Antartide.

Tenendo conto di tutti questi punti di vista, si può affermare quanto segue:

1-L’affermazione di Móricz secondo cui la grotta di Tayos è stata progettata

artificialmente NON È STATA CONFERMATA sulle sezioni che conosciamo e che

abbiamo visitato;

2-János Móricz non era un esperto di speleologia, quindi il gioco della natura

ingannò lui e i suoi seguaci nella spedizione del 1969. La falsa dichiarazione

COSCIENTE non può essere dimostrata da parte sua;

3-Il lavoro sul campo successivo, specialmente nelle speranze delle sezioni inferiori,

può certamente essere di fondamentale importanza nel chiarire in modo rassicurante

la questione. Con o senza trapano;

4-L’affermazione di Móricz sul mondo sotterraneo sudamericano, i tunnel artificiali,

non è unica. Zoltán Czellár nel suo manoscritto non pubblicato “Preistoria sud

americana” menziona molti riferimenti.

In conclusione, alla luce di tutto ciò, invece di un dibattito senza soste, è necessaria

un’azione da parte dei ricercatori.

 

 

 

Parte 2: Le tribù indiane parlanti lingua ungherese.

 

Proprio all’inizio dell’argomento, vorrei attirare l’attenzione sul fatto che sebbene sia

stato in grado di fare affidamento sulle mie qualifiche ed esperienza come geologo

negli argomenti della sezione precedente, sono su un terreno paludoso nel campo

della linguistica. Non è l’esperienza che incoraggia molti autori a non rispettare la

limitazione morale, nonostante le loro carenze simili alle mie, con le loro

pubblicazioni – secondo loro in modo decisivo – discutere su ogni argomento

linguistico. Così rimane il buonsenso (a chi importa?), come anche le briciole di

informazioni che sono state sparse lungo questa strada accidentata – e gli uccelli

mercenari delle malvagie forze dei poteri oscuri non le beccheggiano davanti ai

ricercatori del percorso☺.

 

 

 

 

Abbiamo a che fare con l’argomento più figurativo e screditato del caso Móricz, che

mette in ombra la credibilità delle altre dichiarazioni di János, che possono essere

considerate provate in parte. Per questo motivo, gli scettici possono facilmente

spazzare via l’intero argomento dal tavolo. Inoltre, viene indicato come uno dei

principali esempi di auto-giustificazione, che purtroppo è ancora diffusa e trova

tracce di antica ungheresità ovunque. Per questi motivi, sono consapevole che

susciterò accanite proteste in entrambi i campi, ma con il mio ragionamento, intendo

rimanere sulla strada del buon senso, attirando l’attenzione sui pericoli dei “frutti

selvatici” dannosi. A prima vista, il mio lavoro è semplice, poiché non riesco a trovare

il riferimento in cui János Móricz stesso menziona il fatto che parlava ungherese con

gli indiani. Ci sono molte indicazioni che ha sentito parole da lui comprese con

l’aiuto della sua lingua ungherese da ciò che loro dissero. La “dichiarazione” del

titolo è sempre pronunciata da altri autori. Quindi potrei giustamente dire che non

voglio aver a che fare con sciocchezze, quindi voltiamo pagina…

 

 

 

Tuttavia, uno dei miei compiti principali è chiarire queste assurdità, per la necessità

di controllare i riferimenti alla fonte che difficilmente nascono da becchi che si auto

considerano informati e / o iniziati. Lo so, io stesso sono caduto in questa trappola

più volte! Utilizzo dell’opzione “Condivisione” su Internet, come i diritti di voto, in

circostanze non dipendenti dal QI ed in sfortunate circostanze può essere molto

dannoso. In questo modo, puoi riempire il World Wide Web in pochi giorni con

alcune notizie false.

 

 

 

L’unica pubblicazione di 16 pagine di János Móricz, “Európai népek amerikai

eredete”,(L’origine americana dei popoli d’Europa), è stata pubblicata nel 1968

dall’Associazione Ecuadoregna di Scienze Storiche. La ragione del sostegno era che

l’autostima nazionale del popolo ecuadoriano era rafforzata dal riconoscimento che

Móricz trovava connessioni tra la lingua ungherese di oggi e le lingue degli indigeni

che vivono nella giungla. In questa pubblicazione, svela che questa somiglianza

linguistica dimostra che l’antica lingua ungherese si diffuse dal continente

sudamericano e alla fine raggiunse il bacino dei Carpazi.

 

 

Tuttavia, questa affermazione è confutata da una serie di prove, poiché la

migrazione, e quindi il percorso del linguaggio, è stato invertito. C’è un esempio di

migrazione menzionato anche da Móricz, ma solo verso l’India di oggi! Tuttavia, il

lavoro di Ruth Rodriguez Sotomayor evidenzia che durante la sua migrazione dalla

penisola dello Yucatan all’etnia Kara-Maya, sbarcò sulla costa ecuadorianaperuviana

e raggiunse il territorio dell’India attuale e partecipò alla formazione

dell’antica civiltà con la sua popolazione.

 

 

Alla luce di ciò, forse le statue di vecchi templi indù che tengono pannocchie di mais. Nel mito dell’origine degli antichi ariani, la casa dei loro antenati si chiama AMARAKA, o la terra degli immortali – la terra oltre le grandi acque dove vivevamo ancora con i nostri dei – che potrebbe indicare l’origine più antica del nome AMERICA. Ho avuto la fortuna di vedere di persona le attività di raccolta di parole di Móricz nella biblioteca del suo ex avvocato, il dott.

Gerardo Peña Matheus, che conserva i libri di János Móricz contrassegnati con il

sigillo Gönchon. Gli esempi fotografati possono essere visti in allegato alla foto, la

maggior parte sono somiglianze fonetiche, le corrispondenze complete sono meno

comuni. Il materiale della collezione è disponibile sotto il nome de “La raccolta di

parole di János Móricz”:

 

 

https://www.facebook.com/groups/930598177006165/files/

 

 

Le mie esperienze personali: alla grotta di Tayos, dopo la mia scalata, mi sono

trovato di fronte al fatto che non solo la nostra nota parola NAP (Sole/giorno, N.d.T)

può essere ascoltata dagli shuar. Le mosche e le zanzare si posarono sul mio corpo

sudato e iniziarono a pizzicarmi. Li ho salutati e nel frattempo ho detto: “…„ne

csipkedjetek már!” (“Basta pizzicarmi!” N.d.T). Gli shuar iniziarono a ridere di me e a

dire: “CSIPKE, CSIPKE…” (pronuncia cipke cipke, suono onomatopeico richiamante

il pizzico della zanzara o di un qualche altro insetto). Allo stesso modo chiamavano

CSIPKE i succhiatori di sangue e CSIP la loro succhiatura o puntura…Ma questa

può anche essere una coincidenza. Durante i nostri viaggi in autobus per Quito,

abbiamo viaggiato dal distretto di KUNBAJA (potrebbe significare “miniera dei Kun”,

uno delle varie etnie magiare, risalenti ai Cumani N.d.T) al centro della capitale

attraverso il distretto di KINCSE (foneticamente)(pronuncia kince, significa “tesoro”

nella lingua ungherese. N.d.T).

 

 

 

Questi nomi furono presi dagli antichi insediamenti indiani prima degli spagnoli.

Sicuramente oltre al sole anche la pizzicata è pure una coincidenza. O VOGLIO solo

spiegare qualcosa che non conviene? È diverso leggere una raccolta di parole

secche in una stanza calda ed avere la testa catturata durante altri viaggi in autobus

dalle insegne degli insediamenti ecuadoregni che possono essere lette anche in

ungherese. Una tale “elevata corrispondenza di antichi rizomi” non può essere opera

del caso.

 

 

 

Ero scettico su questo, ma “l’interruttore di convinzione” si è attivato. Dopo

il nostro ritorno, il materiale del libro di István Tóth, che aveva lo scopo di

documentare il rapporto tra le lingue della penisola californiana e la lingua

ungherese, era già in uno stato “pronto da cucinare”. Questo lavoro ha fornito

l’opportunità di accedere ai parallelismi con la lingua ungherese trovati nel

continente americano. Ho citato Continente, perché c’erano anche notizie da

Panama e dal Canada sull’uso dei termini indiani che potevano essere interpretati in

ungherese, non solo dai territori meridionali. Questo libro dimostra con innumerevoli

esempi letterari e lessicali che la famiglia linguistica Penuti è strettamente correlata

al manysi e alle lingue divise attualmente lungo il fiume Ob, i cui utenti si stabilirono

in California da 3.000 a 3.500 anni fa. La mia recensione di un libro in stile speciale:

 

 

https://www.facebook.com/groups/930598177006165/permalink/

2117502684982369/

 

 

Ecco un link alle prove genetiche a questo proposito (il gruppo l’ha ricevuto ieri, il

lavoro di squadra è formato, grazie per quello!):

 

 

https://journals.plos.org/plosgenetics/article/file?

id=10.1371%2Fjournal.pgen.1003460&type=printable&fbclid=IwAR12XV41Y7RQu2

OFcak9Td8pE_3JIAJd2_LjtaLcZUx6_ZiZeMxGJCVADEE

 

 

Il primo studio fu scritto nel 1919 (Roland B. Dixon – Alfred L. Kroeber: New

Linguistic Families in California), e poi dozzine di dizionari furono riempiti con parole

provenienti dalle lingue californiane.

Fino al 1984, tuttavia, alcune delle parole erano considerate ORIGINE

SCONOSCIUTA. A quel tempo, Otto von Sadovszky, professore di antropologia di

origine ungherese all’Università della California, chiamò queste parole di origine

UNGHERESE – poiché sapeva leggere in ungherese. La più ampia famiglia di lingue

macro-Penuti comprende le lingue native utilizzate in Sud America, in questo senso,

la lingua degli indigeni che vivono al confine tra Ecuador e Perù è legata alla

“radice”.

Sì, per favore, lo so … è una famiglia di lingue finno-ugriche. Non c’è nulla di

sbagliato nel fatto che UNA TEORIA abbia inserito la lingua ungherese nella famiglia

di lingue finno-ugriche artificiali. Dopotutto, era un ordine politico verificabile, anche

allora avevamo bisogno di parenti europei, non di popoli della steppa. Le regole dello

sviluppo e della diffusione delle lingue non sono geneticamente basate, quindi non è

una fortuna doversi confrontare con la connessione genetica di origine orientale che

è già stata dimostrata oggi. Facciamo il peggio con il termine Finno-Ugrico quando

pronunciamo “ORIGINE Finno-Ugrica” in bocca. Perché questo in sé è

semplicemente il nome di un ammucchiata artificiale, non il nome della FONTE

stessa.

 

 

Se così fosse, almeno il nostro RÉNSZARVAS (Renna N.d.T) sarebbe

finlandese, perché è molto, molto finlandese. Chiunque non sia cresciuto in seno

all’Accademia delle Scienze Ungherese potrebbe aver sentito che l’Accademia

finlandese si era già ritirata dalla teoria nel 2006. Fortunatamente, ci sono già quelli

che tengono conto dei risultati SCIENTIFICI dimostrabili, invece della TEORIA,

quando affermano che le lingue indoeuropee hanno avuto origine nel bacino del

Danubio. Per questo, allego una mappa e un diagramma temporale che illustrano la

separazione dei rami correlati dal materiale di studio della Facoltà di Linguistica

dell’Università della Pennsylvania, USA. Questo è già stato insegnato lì … Questa

buona abitudine potrebbe non essere seguita a casa, dopo tutto, SI PARLA DI

NOI ?!

 

 

La ricerca TAMANA indica migliaia di nomi geografici in tutto il mondo che sono

conosciuti nel bacino dei Carpazi.

Questa è anche una buona presa per dimostrare la connessione tra la lingua antica,

che era ancora una volta ampiamente utilizzata a livello globale, e la lingua

ungherese oggi.

 

 

https://www.google.hu/search?q=tamana+t%C3%A9rk

%C3%A9pek+a+magyar+nyelvr

%C5%91l&tbm=isch&source=hp&sa=X&ved=2ahUKEwiMu83un8HiAhWRzYUKHce

mDCUQsAR6BAgIEAE&biw=943&bih=686

 

 

L’Antico Testamento commemora anche la lingua originale: “Tutta la terra aveva una

lingua e un unico modo di parlare” (Mosè 1:11). Prima del caos di Babele. Chi ha

costruito la Torre di Babele? Fu Davvero Nimród? Chi erano i suoi discendenti?

Chiedo solo, in qualche modo, riferendomi agli antenati degli ungheresi di oggi. Di

chi è interesse cancellare le tracce di Nimród dalla storia ?! Perché questo sta

succedendo!

 

 

 

Non so perché, che miracolo abbia dovuto accadere affinché la nostra lingua non si

dissolvesse nel “mare” delle lingue e dei popoli circostanti.

Ricordare la grandezza e l’eccellenza della precedente influenza dei nostri antenati

può essere giustificato solo se oggi possiamo elevare i nostri popoli fratelli con le

nostre conoscenze e capacità.

Tutte le altre intenzioni attiveranno solo chiusure ad oltranza in se stessi e risposte

ostili.

 

 

Le mie conclusioni:

 

 

1-Interpretazione cattiva ed errata dei resoconti di Móricz sulla leggenda delle tribù

indiane di lingua ungherese, da motivo per cancellare anche altri racconti simili

invece significativi. Ciò può essere affermato chiaramente esaminando criticamente

le fonti;

2-La teoria della lingua originaria, che era anticamente diffusa, viene confermata da

sempre più parti. Tuttavia, la dimostrazione di somiglianze verbali si rivela

speculativa in diversi casi;

3- segni che il ramo diretto dell’ex lingua madre ha come suo ramo discendente la

moderna lingua ungherese, non dimostra che solo gli “antichi ungheresi” potrebbero

aver introdotto cultura nei popoli della Terra.

 

 

 

Parte 3: Tracce di Sumeri in Sud America

 

 

Forse non è raro neanche sper me che io cerchi materiale di partenza per la

storiografia ufficiale. Le persone narrative che hanno avuto un’ampia opportunità di

parlare hanno paura di esprimere in tutti i contesti di qualsiasi tipo di “apertura” che

non sia l’origine obbligatoriamente da adorare della cultura, dell’antichità, ruggiscono

sulle loro radici ma di queste hanno confutato il primato. Nell’analisi dei simboli e

delle storie dei popoli con radici sumere, le corrispondenze che puntano in quella

direzione sono evidenti, quelle che vanno nella direzione in cui mostrano che le

tavolette d’argilla con segni cuneiformi babilonesi sono la fonte che ha ispirato la

creazione di diverse storie dell’Antico Testamento. Il sovrano accadico, Sargon,

anch’egli nominato in questo studio, svolge un ruolo chiave in questo. In linea con la

mia consuetudine, citerò anche gli argomenti contrari che sorgono quando si

elencano i miei argomenti, poiché considero la diffusione di una cultura di pensiero

critico sobrio più importante della messa a punto finale della mia posizione.

 

. . .

A partire dagli anni ’50, una serie di scoperte archeologiche sudamericane ha

rafforzato la teoria secondo cui le prime civiltà erano più strettamente correlate. A

titolo di esempio cito una una cultura più recente, il destino delle prove di una cultura

vichinga, al fine di far luce sul lato politico oscuro della visione storica dell’epoca.

Jacques de Mahieu (1915-1990) lasciò una documentazione completa sulle tracce

sudamericane dei Vichinghi (!).

 

 

https://lookaside.fbsbx.com/file/De%20Mahieu%20Jacques%20-%20Drakkares%20en%20el%20Amazonas.pdf?token=AWzDM2pPkUtpilYRutJErFCVC25FsqfsF8E5uzn_MNTJI4tRMC3_7UYVkme

GGgzv_1c0xX8oUyuKlOddfwcmylNbR6n8zMQBHu5l7LEKzlIdetihA0rJiTkHsXpdvxew78bhO-_5n6OQo_cDwMBy8_mTZjkaQMOb2ki46VSoN236HA

 

Perché ci sono note solo le prove nordamericane? Un antropologo di origine

francese dopo la Seconda Guerra Mondiale, sotto la presidenza di Peron in

Argentina, sviluppò la sua teoria razziale dei rappresentanti parlamentari di lingue

della famiglia guaranì.

 

 

 

Secondo questo, gli indiani alti e dalla pelle chiara sono discendenti della “razza

ariana vichinga” che anticamente visitarono quei territori, poiché rune e disegni

rupestri di origine vichinga sono stati trovati in quasi tutti i casi, a volte anche distanti

tra loro, nelle aree di distribuzione di questa famiglia linguistica. Nonostante il fatto

che le osservazioni del ricercatore sui documenti scritti da Viking siano

professionalmente fondate e provate, tutta la sua opera è stata spazzata via dal

tavolo a causa della sua teoria accessoria della razza (che significa la diffusione

dell’ideologia “fascista”), non menzionando nemmeno i suoi inconfutabili risultati.

Questo è un buon esempio del fatto che l’accettazione e la “sponsorizzazione” di

prove professionalmente stabili è una cosa fortemente dipendente

dall’atteggiamento, fondamentalmente può anche servire a scopi politici.

 

 

Naturalmente, la persecuzione di un determinato ricercatore o argomento da parte di

determinati ambienti non è una prova conclusiva che una persona abbia ragione in

tutto, poiché il fatto di omissione o persecuzione non può sostituire le prove. Né un forte

“vento contrario” da solo può essere una spiegazione sufficiente per non accettare

molti risultati o reperti, dal momento che alcuni di essi semplicemente non

soddisfano i severi requisiti del protocollo archeologico!

Per questi motivi, molti dei reperti dell’ex raccolta di padre Carlos Crespi, spesso

citati, non possono essere accettati come prove. Manuel Palacios, nel suo libro

“America Prohibida” (edito anche in Ungheria col titolo “Betiltott Amerika”N.d.T.)

prova – con relativo successo! – a regolare i labirinti dell’argomento.

 

 

https://www.sott.net/article/316724-Ancient-Origins-archeologists-warned-to-stopfurther-

investigations-into-missing-Father-Crespi-artifacts

. . .

Prima di descrivere gli indizi sumerici, dobbiamo chiarire due cose importanti.

Il primo era che le persone che chiamiamo sumeri / sumerici nn non si

autodefinivano sumeri. Il termine Caldeo-Sumero è più fondato da un punto di vista

professionale.

 

 

L’altra cosa è che, sfortunatamente, i popoli accadici, babilonesi e poi assiri, che in

seguito vissero quasi nella stessa area geografica e seguirono i Sumeri caldei, si

infiltrarono anche nella coscienza pubblica come civiltà sumera. È stato dimostrato

che questi sono collegati alle popolazioni semitiche, e che le persone di origine

sumera furono da questi uccise, espulse o fuse con la loro stessa gente.

Ma dal momento che hanno basato i propri risultati culturali su quelli sumerici,

questo malinteso è forse persino comprensibile. In Sud America, solo una singola

scoperta può essere collegata al primo popolo sumero, ma per motivi di continuità

culturale, citerò anche prove più convincenti della successiva presenza accadica in

questo argomento.

 

https://magyarmegmaradasert.hu/szerzok/k-n/marton-veronika/item/3424-mi

%C3%A9rt-k%C3%A1ld-sumir-a-sumir?-iir%C3%A9sz

 

 

Il monolito di Pokotia, scavato nel 1960, è l’unico ritrovamento americano in cui

elementi della scrittura di proto-sumir possano essere definitivamente riconosciuti.

 

 

https://www.bibliotecapleyades.net/arqueologia/potokia01.htm

 

 

Il ricercatore Géza Varga ha confrontato l’antica scrittura runica trovata da Zsófia

Tormai nella Transilvania meridionale (si tratta del monile di Tordas, Tartaria) con gli

elementi runici riconoscibili sul monolito Pokotia. Che risultato sorprendente! Quale

potrebbe essere la spiegazione?

 

 

Un altro enorme difetto del sistema educativo ungherese, che deriva dalla fissa

servitù della conformità, è che non informa sulle memorie materiali della cultura

Vinca-Tordos, che ha preceduto la scrittura sumerica di 1.000 anni (forse anche

1.400 anni!), i cui primi reperti tra i fiumi sono stati rinvenuti negli scavi delka collina

di Jemdet Nashr.

Questa prima cultura inter-fluviale consisteva nella riuscita cooperazione di 3 popoli,

un gruppo di questi emigrò dall’attuale Transilvania meridionale, portando con sé i

loro scritti. Con il rafforzamento della civiltà sumera, durante le spedizioni esplorative

e di esplorazione delle materie prime, questa prova arrivò nel lontano continente.

 

http://www.magtudin.org/Torma%20Zsofia%201%20resz.pdf

 

 

Il resto è disponibile da qui, in compagnia di numerosi libri eccellenti:

 

 

http://www.magtudin.org/Books.htm

 

 

La ciotola di pietra conosciuta come Fuente Magna fu trovata sulle rive del Lago

Titicaca, la sua fonte era abbastanza contestata, quindi non fu accettata come

prova. Dai suoi scritti all’interno, è riconoscibile il caratteristico cuneiforme accadico.

Per una descrizione più dettagliata della scoperta in ungherese, vorrei chiedere

l’aiuto dell’eccellente articolo di Gyuri Száraz, ma sfortunatamente lo ha già rimosso

da boldognapot.hu ☹ Ecco cosa rimane:

 

 

https://faculty.ucr.edu/~legneref/archeol/fuentema.htm

 

L’interpretazione della scoperta da un punto di vista scettico non lesina le critiche,

piuttosto confronta la scrittura con la fenicia o la considera protocananita.

 

 

https://ahotcupofjoe.net/2017/11/fuente-magna-bowl-not-cuneiform-not-sumerian/

. . .

Non vi era alcuna traccia scritta delle azioni dei Sumeri in Sud America. (Ci sono

anche pochissime delle altre loro azioni, dato che il primo record scritto le menziona

solo al tempo del successivo Hammurabi.)

Secondo gli scritti, in seguito i marinai inter-fluviali con le loro imbarcazioni che

sopportavano circa 18 tonnellate di carico, chiamate “Magur” (!!! N.d.T) arrivarono in

Egitto (Magan), nel Nord Africa e nella valle dell’Indo (Dilmun).

 

 

 

https://www.google.com/imgres?imgurl=https%3A%2F%2Fimgix.ranker.com

%2Fuser_node_img%2F50077%2F1001536790%2Foriginal%2Fthe-ubaidiansphoto-

u2%3Fw%3D375%26q%3D60%26fm%3Dpjpg%26dpr

%3D2&imgrefurl=https%3A%2F%2Fwww.ranker.com%2Flist%2Fevidencefor-

garden-of-eden-in-iraq%2Fshonnawright&

tbnid=VFtPLhvVT45OLM&vet=12ahUKEwjGh8zt2vzqAhWWBhoK

HevPD6gQMygAegQIARAY..i&docid=2IQ3KQahItPK3M&w=750&h=487&

q=sumerian

seals&ved=2ahUKEwjGh8zt2vzqAhWWBhoKHevPD6gQMygAegQIARAY

 

 

Esistono già documenti scritti sulla presenza di Akkadi semitici in Sud America. Il

lontano continente era chiamato KUGA-KI, o la Terra del sole, nei loro registri

cuneiformi, le montagne delle Ande erano chiamate Antis. La loro città costruita qui

era indicata come quella costruita vicino al “lago di montagna”. A molti, la

leggendaria Tiahuanaco viene in mente per prima? Con diritto?

 

 

 

La leggenda narra che la città, costruita in un solo giorno, si trovava in rovina

quando fu trovata, ma era in condizioni migliori rispetto alla vicina città di Puma

Punku. Una ulteriore parte significativa dei blocchi di pietra di quest’ultima furono

portati alla fondazione della vicina ferrovia, e i suoi blocchi di pietra multi-tonnellata

furono usati una volta come bersagli durante le esercitazioni di artiglieria dell’esercito

boliviano. L’iconica Porta del sole di Tiahuanacu è ben nota, accanto al suo tempio

centrale, Akapana. Una misurazione di questo suggerisce che è stato costruito su

unità di misura sumere.

 

 

http://www.atlantisbolivia.org/tiwanakucubits.htm

 

 

In una piccola deviazione, spiegherei sicuramente una cosa, che forse potrebbe

essere un errore menzionare la città di Tiahuanaco in una pagina con Puma Punku.

Quasi ogni elemento di Puma Punku è stato rovinato da un enorme inondazione

simile a un diluvio, molti blocchi sepolti sotto il fango, mentre Tiahuanaco è rimasto

relativamente intatto, ma qui sono stati trovati anche blocchi dislocati di andesite.

Puma Punku è stato costruito da blocchi di pietra molto più grandi, ma le pietre

utilizzate provengono dalle stesse 3 cave in entrambe le città. Durante gli scavi,

dove è stato trovato il più antico strato culturale a una profondità di 4,75 metri (ma

non ancora scavato sotto), si è osservato che il sedimento che seppelliva i blocchi

era a strati incrociati, suggerendo che una grande massa d’acqua scorreva avanti e

indietro per depositarlo.

 

 

 

Ciò suggerisce che l’enorme letto del lago, ora vuoto a sud del lago Titicaca, era un

tempo pieno d’acqua e quantità gigantesche di acqua “spazzavano” avanti e indietro

nei due bacini a seguito di precedenti terremoti. Questo, a sua volta, ebbe un effetto

catastrofico sulla città in costruzione vicino alla valle che funge da regolatrice di

flusso che si restringe tra i due letti del lago. Le prove geologiche mostrano la prima

grave inondazione, datata 11000 anni fa e che causò la distruzione di Puma Punku!

Sulla base di questa triste esperienza, fa Puma Punku decisero di andarsene e poi

fu costruito un altro centro sacrale sul sito di Tiahuanaco, che fu colpito anche in

seguito da piccole alluvioni. Chi ha costruito una città megalitica più di 11.000 anni

prima di Cristo nella costa del Titicaca?

 

 

http://www.atlantisbolivia.org/atlantisoriginsinlegends.html

 

 

Abbiamo già una discussione secondo cui i Sumeri potrebbero aver costruito la città

di Tiahuanaco, ma cosa stavano cercando nella zona? La risposta è semplice:

hanno attraversato l’oceano per il minerale di stagno necessario per produrre bronzo

strategicamente importante.

 

 

 

Fu estratto dal monte Cerro Potosi in Bolivia, quindi il minerale fu trasportato sui

fiumi Pilcomayo e poi sul Parana per raggiungere l’estuario del Rio de La Plata

verso l’oceano. Naturalmente, anche i nativi locali erano coinvolti nell’attività

mineraria, quindi hanno assunto i termini sumeri relativi all’attività. Il rame è ANTA

sia in Aymara che in Sumero, e l’oro è OURI. Sicuramente accidentale ☺

 

. . .

Il picco della produzione di stagno può essere fatto risalire al regno di Sargon, il

sovrano accadico. Sargon era il sovrano cresciuto dai genitori adottivi come propri

figli, prima come signore della guerra e poi come sovrano. I suoi genitori originali lo

fecero galleggiare lungo un fiume in un cestino di canne imbrattato di catrame per

evitare che il bambino venisse massacrato. Quanto è familiare la storia? Dall’Antico

Testamento, ma sotto il nome di Mosè, sebbene la storia originale sia quella di

Sargon.

Dovrebbe essere ribattezzato il cesto di Mosè ?! Perché no, suggerisco strada per

strada di scavare fino alla fonte originale! Bene, andiamo! Ah, per caso non è

conveniente?

 

 

 

L’attività del dio barbuto dalla pelle chiara VIRACOCHA, che ha insegnato ai popoli

delle Ande e poi, quando è salito sull’acqua, ha predetto il suo ritorno, può anche

essere associata a Sargon. Ciò coincide nel tempo con il periodo edificante delle

civiltà pre-Inca, ma lo sbarco d’addio ebbe luogo sulla costa peruviana e la “solita”

via di trasporto di stagno si aprì sull’Oceano Atlantico, quindi per me è in qualche

modo contraddittoria.

 

 

 

Tuttavia, nel corso della sua attività di insegnamento, è possibile osservare una serie

di oggetti sacri e identità di nomi divini tra i nomi dei popoli che vivono nei territori

sumero e boliviano-peruviano. Zoltán Vadz Czellár (ex segretario di János Móricz)

nel suo manoscritto “La preistoria sudamericana” nel capitolo “Rapporti

sudamericani della cultura turanico-sumera” le concordanze riempiono più di 2

pagine (con doppie colonne) !!!

Purtroppo al momento non sono in grado di pubnlicarlo poiché il detentore del diritto

ungherese del manoscritto ne ha vietato la pubblicazione.

Di persona, presso di me é possibile ottenere una visione del documento.

. . .

Le correlazioni elencate, gli argomenti, perché non raggiungono la soglia di stimolo

dei media ufficiali? János Móricz lo chiarì nella sua lettera del 24 giugno 1968

(estratto):

“Oggi so perché questa lotta sta avendo luogo, dove minaccia e ammenda sono tra i

metodi più lievi. Lo so perché i nostri stessi avversari mi hanno lanciato negli occhi:

“Solo non parlare dell’America! La renderemo un grande scienziato, un uomo così

ricco, basta che non ne parli!”

Qui è la chiave di tutto perché tutto può essere verificato da qui. Da qui, la strada

conduce alle profondità del mare e da qui puoi anche arrivare alle stelle.

 

 

 

Ecco le prove e le prove materiali in una tale massa che non è più possibile inviare

la magiarità sotto i campi di neve della tundra. Ecco perché puoi cercare in sicurezza

sott’acqua e nelle stelle, ma non qui. Questa era un’area proibita per noi e questo

l’ho detto in una conferenza stampa che ho tenuto a Buenos Aires il 7 Settembre

1967, Gliel’ho detto apertamente di fronte ai corrispondenti della stampa locale e

internazionale riuniti per ore sulle domande a tamburo battente e l’intera conferenza

si è trascinata per molto tempo.

 

 

Tutti hanno preso appunti e ogni giornalista ha

indicato che sarebbe apparsa come una notizia straordinaria il giorno successivo.

Ma mai una sola riga di questo scritto è venuta alla luce. D’altra parte, qualche

giorno dopo, citando le mie parole, nei giornali apparve un grande articolo in cui un

“qualcuno” annunciava che solo gli eletti in America potevano effettuare ricerche e a

tutti gli altri era proibito fare ricerche. Penso che l’avvertimento sia abbastanza

chiaro “.

 

 

Secondo loro, solo gli eletti possono cercare in America e la ricerca è vietata a tutti

gli altri, perché LA CHIAVE DELLE MANCANZE NELLA STORIA DELL’UMANITÀ

PUO ‘ESSERE TROVATA IN QUESTO CONTINENTE?

Il pensiero controllato delle masse, e quindi la loro pratica fuorviante cosciente, può

essere aiutato in modo servile dai media ungheresi, che non condivide la notizia con

la massa potenzialmente interessata, i risultati affermano che non sono nemmeno

commentati da riviste straniere famose.

 

 

 

In questo modo, aiutano anche il lavoro fuorviante delle mine, a seguito del quale la

semplice menzione del nome di János Móricz provoca in molte persone un riflesso

simile al rifiuto. La diffusione di informazioni fuorvianti è principalmente dovuta alla

condivisione priva di senso critico di siti di stampo sensazionalistico.

È auspicabile che l’interesse per i risultati del lavoro di accertamento dei fatti, se si

rafforzasse condividendo questo articolo potrebbe anche aiutare a dissipare la fitta

nebbia, perchè il tempo e i risultati citati confermano le affermazioni di Móricz

secondo cui i popoli antichi erano più strettamente collegati.

 

 

 

4 – La Libreria dei Metalli (oppure la moglie del tenente Colombo) e

la morte di János Móricz

 

 

La sezione tra parentesi del titolo si riferisce alla moglie del famoso detective in una

giacca a palloncino (Peter Falk), a cui negli episodi venivano spesso inviati saluti e

auguri, ma lei stessa non è stata ritratta di persona per un solo momento. Ci sono

stati molti riferimenti ad essa, ma è rimasta invisibile allo spettatore, sconosciuta.

Leggendo gli articoli sull’argomento di Móricz, ho giustamente messo in parallelo il

ragionamento della logica “le piastre d’oro della grotta scoperte da Móricz …” con la

mistica moglie di questo geniale detective. Finora, nessuno è stato in grado di

“mostrare” le prove che dissipano i dubbi.

Quindi cosa può ricostruire un ricercatore? I riferimenti, i contesti che elencherò in

questo studio non sono conclusivi, prove precise, indicano solo una certa direzione,

che credo valga la pena seguire. Le nostre informazioni attuali NON soddisfano i

criteri per la prova obiettiva.

Tuttavia, oltre alla determinazione e alla convinzione (non superstiziosa) di

ricercatori e sostenitori della ricerca, i “servizi” (chi servano questi non è compito di

questo articolo spiegare chi) – per dirla elegantemente – non sempre mantengono le

distanze, e l’impotenza funzionale dei “decisori” (o meglio dei pupazzi con guanti)

visitati sull’argomento suggeriscono che la palla rimbalza nel nostro semispazio …

Nello studio finale, arriviamo al punto più controverso nel caso Móricz. La menzione

della presunta Biblioteca di Metallo giustifica veramente considerare ridicolo

l’argomento in assenza di prove? Questo può essere affermato solo alla luce degli

scritti informativi a livello dei media scandalistici, perché quando qualcuno segue la

cosa, trovano connessioni molto sorprendenti che mettono l’argomento in una luce

completamente diversa!

 

 

 

Prima di descrivere i dettagli, si dovrebbe chiarire che a causa della delicatezza

dell’argomento (la ricerca è in corso e le forze molto serie sono interessate a

ghiacciare l’argomento), sto ballando al limite tra informazioni comunicanti che

possono ancora essere condivise e informazioni che devono essere taciute.

I lettori hanno bisogno di cavarsela con questo “bignamino”, poiché quelli che sono

molto più avanti di me in questa materia, in modo comprensibile, ascoltano

saggiamente per ragioni strategiche (nel senso che amano vivere).

Allego molti documenti di testo pertinenti come descrizioni della foto data, in modo

da non fornire il mio articolo già lungo.

 

 

. . .

Nell’estate del 1965, uno sciamano della tribù shuar chiamato Jukma condusse

János Móricz in un luogo sacro nascosto nelle profondità della grotta di Tayos, i cui

manufatti furono un tempo affidati ai membri della tribù dai creatori dei reperti.

 


Lo sciamano Jukma

 

 

La guardia dice a Móric che può portare il messaggio degli artefatti nel mondo se

serve per l’ascensione e il bene di tutta l’umanità, e non rafforza l’influenza di un

gruppo di poteri. I reperti possono essere esaminati solo ed esclusivamente nelle

profondità della grotta, da lì non possono essere portati in superficie

(Personalmente, trovo ancora oggi la prima condizione impossibile, la seconda può

essere risolta con le condizioni tecniche di oggi).

 

 

 

Móricz non può quindi essere definito un esploratore, ma è piuttosto appropriata la

definizione di “colui che è stato portato a conoscenza”. A questo segreto inizia il suo

amico, Julio Goyen Aguado, con il quale scende nuovamente alla Libreria dei Metalli

nel 1968. Finora ho solo informazioni su queste 2 visite. Nel giugno 1969, Móricz

visitò il dott. Gerardo Peña Matheus, un avvocato e, in conformità con le norme

legali in vigore, annunciò e chiese la protezione dei diritti di proprietà per la presunta

raccolta, che considera ancora il TESORO CULTURALE COMUNE DI TUTTA

L’UMANITÀ (Penso che sia importante sottolineare questo, perché non è stato

principalmente guidato da interessi personali!).

 


La denuncia di Móricz.

 

 

L’errore fondamentale fu cercare la Libreria di Metallo stessa vicino al noto ingresso

al Monte Nankupas.

Possiamo giustamente crederci sulla base del racconto di Erich von Däniken, ma dal

suo libro del 2005 “Ingannati” si scopre che affermò falsamente di aver visitato di

persona la Libreria di Metallo. Quel paio di interessati che hanno letto la raccolta di

testi del Dr Gerardo De La Peña: “Una storia documentata della ricerca riguardo la

grotta dei Tayos” può aver letto anche la corrispondenza tra Daniken e Móricz, che

potrebbe chiarire la questione.

 

 

 

La nota discesa del Monte Nankupas – sotto la quale si può vedere anche la Porta di

Móricz – si dice che sia a circa 30 km dalla Libreria di Metallo. Móricz guidò qui la

spedizione del 1969, così come la spedizione di Stanley Hall del 1976.

Da qui, è quasi impossibile arrivarci per qualcuno che non conosce il groviglio di

stretti – e da allora è stato bloccato – percorsi del labirinto.

Fa riferimento alla distanza in pubblico in un articolo pubblicato su Der Spiegel nel

suo numero del 19 marzo 1973. (dettagli qui, l’articolo completo può essere letto

nella descrizione della foto).

 

 

 

. . .

SPIEGEL: Le grotte si sono formate in modo naturale?

MÓRICZ: La maggior parte delle grotte erano formate dall’acqua, il resto è stato

realizzato artificialmente.

SPIEGEL: Chi è stato in grado di fare questo enorme lavoro? Gli Incas o forse gli

extraterrestri, come scrive Däniken?

MÓRICZ: La mitologia quechua menziona uno scarabeo che ha scavato le grotte.

Durante la nostra spedizione del 1969, supportata da Ceturis in Ecuador, abbiamo

scoperto una grotta artificiale a Cuevas de los Tayos a Rio Santiago. Dopo aver

inizialmente strisciato in un tunnel bagnato dall’acqua, ci trovammo improvvisamente

in una grande sala che era alta almeno 80 piedi. Il muro era liscio, come se fosse

levigato, e c’erano gradini sul terreno.

SPIEGEL: Si sono imbattuti nella Libreria di Metallo lì?

MÓRICZ: No, è in un’altra grotta, ca. 30 chilometri di distanza.

SPIEGEL: Sei arrivato lì nella tua spedizione del 1969?

MÓRICZ: No, perché abbiamo esaurito le scorte.

. . .

Coloro che – e ce ne sono molti – interpretano la mancanza di foto del gruppo di

reperti come prova del fatto che la stessa Biblioteca del Metallo non esiste nemmeno

dovrebbero considerare quanto segue:

1 – America Latina negli anni sessanta. Un colono europeo sta cercando di

sistemarsi in Ecuador, dove la situazione politica è piuttosto “fluida”. È logico che

mentendo al capo dello stato, sta per assicurarsi il suo destino futuro. No?

2 – Durante la spedizione in grotta (luglio 1969), costruisce un sito di atterraggio per

elicotteri per il tanto atteso presidente nella foresta pluviale per mostrargli la Libreria

del Metallo. Dal momento che non arriva, invia i membri della spedizione a casa e

Móricz e un paio dei suoi compagni rimangono nel campo fino al 12 settembre,

soggetti a privazioni. Se non avesse avuto nulla da mostrare, sarebbe rimasto per

soffrire la fame?

 

 

. . .

Dopo la conferenza tenutasi a Körmend nell’aprile 2012, anche gli ambasciatori

dell’Ecuador e dell’Argentina sono apparsi in una conferenza stampa a Budapest. Il

dott. Jaime Augusto Barberis ha informato l’allora presidente dell’Ecuador, Rafael

Correa, sulla conferenza ungherese e sull’edizione ungherese del libro di sintesi

dell’avvocato, “Tayos”. È anche a causa di ciò che è stata riavviata l’indagine sul

sistema di caverne dei Tayos.

Le onde nell’acqua stagnante da tempo finora si sono increspate a causa del sasso

gettato per iniziativa di Ágnes Golenya!

 

 

http://golenya-agnes.hu/kutatasok/moricz-janos-nyomaban/439-moricz-janosdokumentacios-utunk

 

 

A quel tempo, non potevamo nemmeno immaginare chi potesse essere così ferito

dal caso Móricz per suscitare l’interesse dei “gentiluomini” appariscenti ed eleganti,

da molestare i partecipanti alla conferenza con bombardamenti nonchè documenti

seriamente timbrati, sapere quale dei nostri conferenzieri fosse ospitato in quale

camera di quale albergo.

Di recente a Tata è stato chiesto, da una persona che si auto dichiarava un corriere

diplomatico, che fino a quando non conosco alle mie spalle un’organizzazione con

un potere serio il cui interesse è scoprire la verità, è meglio per me se sto attento a

ciò di cui parlo. Cari pensieri preoccupati, ma continuo a fare le mie cose!

Dopo la conferenza, Ágnes Golenya ha dichiarato di aver ricevuto una serie di

fotografie da Guillermo Aguirre, che vive a Buenos Aires ed era il biografo dell’amico

di Móricz Julio Goyen Aguadó.

Guillermo conservò i 3 manufatti che presumibilmente furono portati in superficie

dalle profondità del Tayos. Ha anche inviato foto molto dettagliate di una placca di

metallo dorato, disponibili per la prima volta sul sito Web di Ágnes Golenya. I segni

dell’ABC Maya dello Yucatan, che, tuttavia, non sono noti dal territorio ecuadoriano,

erano incastonati nel piatto.

 


La placca di Guillermo Aguirre

 

 

 

Potrebbe essere che la scoperta sia originaria dell’America centrale e con questo

oggetto non corrispondente geograficamente, Móricz ha cercato di convincere il

pubblico che la scoperta proveniva da Tayos? Un noto insieme di reperti di La Mana

potrebbe aver avuto la possibilità di collegarsi ai risultati dell’antica cultura Maya e

raggiungere anche l’area meridionale. Tra i reperti decorati con colorante

fluorescente vi è il set di tappi, numerati con il caratteristico sistema a 20 numeri dei

Maya.

 

Le informazioni extra sono che scheletri di 3-3,5 metri riposano nelle tombe.

Consiglio il video dell’esperto dell’argomento, Matek Kamill:

 

 

. . .

Nell’autunno del 2014, ho avuto la fortuna di visitare personalmente la grotta. Dopo

che l’allora presidente Rafael Correa ordinò un riesame del regime di Tayos, il

presidente annunciò con il signor Manuel Palacios che gli sarebbe piaciuto vedermi

nella squadra come osservatore ungherese.

Fu già allora che arrivarono le prime notizie che le guardie erano aperte a presentare

l’ensemble in modo che il mondo potesse conoscerlo. A Rafael Correa fu offerto che

potesse essergli mostrata la Libreria dei Metalli se avesse accettato i loro termini.

Arrivò anche nel luogo concordato, accompagnato dalla guardia del corpo del

presidente. Gli Shuar dissero che solo il presidente sarebbe stato scortato da qui, le

guardie del corpo sarebbero rimaste, e hanno anche affermato che si sarebbero

avvicinati alla entrata segreta durante un tour della foresta pluviale più lungo, in cui il

presidente avrebbe dovuto superare alcuni esami per vedere se il Presidente fosse

degno del segreto per entrare nel posto. Sebbene sia un dato di fatto che i

regolamenti e le leggi degli autogoverno indigeni siano validi nel campo delle riserve,

è evidentemente difficile discutere della possibile esecuzione del presidente nel

corpo delle guardie del corpo.

 


Zoltán Varga nella spedizione del 2014

 

 


Manuel Palacios nella spedizione del 2014

 

 

 

È ipotizzabile che queste condizioni non siano state accettate da Rafael Correa.

Attualmente vive in Europa, nascondendosi dietro casi di corruzione.

Il suo successore, Lenin Moreno, continua a sostenere la ricerca ufficiale grazie a

una piccola raccolta di reperti trovati a settembre 2017. Il professor Theoflos

Toulkeridis, un geologo di Quito, sta conducendo la ricerca. All’inizio era scettico, e

in un rapporto aveva definito come bugiardo e truffatore János Móricz.

 

 

https://www.bibabuk.es/libro/secretos-subterraneos-de-los-mundos-olvidades_80377

 

 

Tuttavia, ha anche sottolineato la sua ignoranza, perché l’ha caratterizzata mentre

Móricz si fotografava più volte con lastre di metallo e questa persona che

conosciamo era il padre di Carlos Crespi.

Nel settembre 2017, una spedizione esplorativa rafforzata dai militari ha sfruttato i

bassi livelli dell’acqua per scoprire una sezione precedentemente sconosciuta

nuotando attraverso un sifone.

Nel suo messaggio scritto, Teofilo mi informò che erano state trovate sculture murali

e un piccolo insieme di reperti dell’età del rame (una specie di altare), la cui età

stimata era tra 1500-500 a.C. Questo non è quindi in relazione coincidente con i

risultati descritti da Móricz, che ha descritto più dettagliatamente in una delle lettere

di Móricz. Il ricercatore ha anche affermato di vedere già le cose diversamente

(Móricz non era un bugiardo e un truffatore) e ha chiesto al presidente di continuare

le sue ricerche.

Anche qui, vorrei ringraziare T. Toulkeridis per la fiducia che ha riposto in me solo

dopo aver visto un mio documentario,”Tayos” senza nemmeno conoscenza

personale: mi ha invitato per mostrarmi i reperti, ma la data possibile era appropriata

solo durante la stagione più secca.

Nemmeno il mio programma di lavoro ha permesso questo e l’Associazione culturale

János Móricz non gode dei vantaggi dell’adesione al club di organizzazioni non

governative piene di fondi pubblici, finora non sono stato in grado di rispettare

l’invito.

 

. . .

 

La morte di Móricz

La circostanza della morte di János Móricz è, ovviamente, una prelibatezza per i

teorici della cospirazione. La versione ufficiale, già descritta dal libro del dott.

Gerardo Peña Matheus nella descrizione della foto della tomba del ricercatore, è già

nota. Il ricercatore è deceduto il 27 febbraio 1991 alle 14:45.

Fu messo a riposare per sempre il giorno successivo alle 17:00 nel cimitero di

Guayaquil.

Come si può vedere dai sintomi descritti, non è nemmeno esclusa la possibilità che

János Móricz sia stato costantemente e sistematicamente avvelenato.

Facendo riferimento solo alle voci, menziono che ciò potrebbe essere dovuto al fatto

che non ha rispettato pienamente i suoi impegni riguardo alla Libreria dei Metalli. Le

foreste pluviali del Sud America nascondono una miriade di veleni e droghe a noi

sconosciute che vengono utilizzate dai nativi locali. Abbiamo anche esplorato questa

opportunità “sul campo” dopo aver avuto la fortuna di ottenere informazioni sulla

precedente routine quotidiana del ricercatore. La condizione principale per

l’intossicazione continua è che viene somministrato a piccole dosi durante le attività

quotidiane. Il modo più ovvio e fattibile per farlo è immettere nel corpo una tossina

idrosolubile, ma non maleodorante, a base vegetale.

Questo potrebbe essere stato facilitato dalla routine quotidiana quasi rigorosamente

del ricercatore di andare sempre allo stesso bar e ristorante? POSSIBILE, ma non

provato! Nel ristorante naturalmente senza nome abbiamo fatto la solita colazione di

Móricz con succo d’arancia appena spremuto.

I documenti di Guillermo potrebbero essere sullo sfondo che Móricz e Julio Goyen

hanno portato alla luce nel 1968 come una sorta di prova?

Lajos Nádorfi afferma fermamente che János gli disse chiaramente (durante il loro

incontro personale nel 1982 – fonte: Richard Zele: Messaggio dagli dei”,

pubblicazione personale), che non ha portato alcun oggetto fuori dalla caverna,

poiché questa condizione gli è stata imposta dagli Shuar. Quindi questo è

controverso. Quindi ci sono ancora molti punti interrogativi sull’argomento.

  1. Puoi rafforzare il tuo dito apprezzando l’articolo … non avrà altri effetti
  2. Condividendo puoi aiutare con le informazioni
  3. Puoi aiutare il dialogo costruttivo con commenti significativi
  4. I post in giro o privi di scrupoli (forse idioti) non sono più fastidiosi ☺.

Con amicizia

Zóltan Varga

Tata, dal 27/05/2019 al 31/08/2019

 


Zoltán Varga presso la lapide di Móricz

 

“Da 5 articoli di Zoltàn Vaga, uniti e tradotti da Sandro Accorsi del Team L’Altra Genesi Anunnaki”