Dumuzi

Nella mitologia sumera, Dumu-zi-Abzu (equivalente al Tammuz babilonese) era il dio della vegetazione che si rinnova ad ogni anno. Grazie alla vasta documentazione rinvenuta dagli archeologi, i culti legati al dio Dumuzi/Tammuz si possono ricostruire con molta precisione. Il nome accadico/babilonese Tammuz si è mantenuto fino ai nostri giorni nelle lingue semitiche, indicando il decimo…

Dettagli

Ningishzida

Nin.gish.zi.da (“Signore principe dell’Albero della vita”; anche Nin.gish.zidda, “Signore del manufatto della vita”): dio della scienza, figlio di Enki, che assistette suo padre nel corso della seconda manipolazione genetica, argomento che la Bibbia affronta nella storia del Giardino dell’Eden. Fu lui a fornire le istruzioni architettoniche per l’E.Ninnu, il tempio che Gudea costruì a Lagash,…

Dettagli

Ishkur/Adad

Adad in accadico e Ishkur in sumero sono i nomi del dio della pioggia e della tempesta nella mitologia mesopotamica. Il suo nome si scriveva in sumero d.IM, era il patrono di Karkara. La divinità accadica è imparentata nel nome e nelle funzioni con il dio nord-occidentale semitico Hadad. Durante l’impero babilonese, Adad fu considerato…

Dettagli

Nannar/Sin

Sin in accadico (Nanna in sumerico) era il dio lunare della mitologia babilonese, nonché protettore del ciclo lunare e degli elementi naturali connessi. Le due sedi principali del culto del dio erano ad Ur ed a Carre, benché in Mesopotamia si trovino moltissimi templi dedicati al dio a causa della sua antichissima venerazione.L’Historia Augusta riporta…

Dettagli

Nergal

Nella mitologia mesopotamica Nergal (o Nerigal Signore della grande città) sposo di Ereshkigal, la regina degli inferi e a seconda dei testi sumeri è considerato figlio di Enki e Damkina. È il dio del calore solare, del fuoco, delle inondazioni e delle pestilenze. Il poema assiro-babilonese in lingua accadica, chiamato dagli studiosi Nergal e Ereshkigal,…

Dettagli

Ninurta

Ninurta (da Nini.urta, “Cacciatore [e] uomo dell’aratro”): primogenito di Enlil e della sorellastra Ninharsag, perciò erede diretto di Enlil e del suo rango di Cinquanta, subito dopo Anu; il suo emblema era un’aquila con due teste. Le sue gesta, che gli valsero una serie di epiteti, sono state immortalate in inni ed epiche e sono…

Dettagli

Akītu

L’Akītu, è la festa del Nuovo Anno (Capodanno) celebrata in Babilonia. Tale festa è attestata in area mesopotamica già in epoca pre-sargonica e fino al III secolo d.C., ed è la festa babilonese più importante e poteva essere celebrata solo alla presenza del suo re. Questa festa veniva celebrata per dodici giorni nel mese di…

Dettagli

Enûma Eliš

L’Enûma Eliš (in italiano “Quando in alto”, in cuneiforme: ) è un poema teogonico e cosmogonico, in lingua accadica, appartenente alla tradizione religiosa babilonese, che tratta in particolar modo del mito della creazione e le imprese del dio Marduk, divinità poliade della città di Babilonia (Babylōnía, greco antico; in accadico Bābilāni, da Bāb-ili che rende…

Dettagli

Enki e Ninmah: i primi tentativi (andati male) di creazione dell’uomo

Il mito che qui propongo è un vero classico della letteratura sumera. Vi si narra del primo tentativo di creazione dell’uomo, ad opera di Enki e Ninmah, perché questo potesse portare ‘il giogo degli dei’, cioè svolgere tutte quelle attività che erano svolte dagli dei minori. La storia si svolge in 4 parti. Nella prima…

Dettagli