Atalu Shamshi: le eclissi di Sole e le eredità degli astronomi dell’Antica Mesopotamia

Né Nabucodonosor, né i suoi tre discendenti (uccisi o deposti poco dopo essere saliti al trono) vissero per vedere l’arrivo di Anu a Babilonia. In realtà, questo evento non si verificò mai, pur se Nibiru fece ritorno. È un dato di fatto che le tavolette astronomiche di quel periodo riportano osservazioni concrete di Nibiru, ossia…

Dettagli

L’eredità di Sumer Akkad

La sorprendente catena di eventi successivi alla caduta dell’Assiria ebbe inizio con la fuga ad Haran di membri della famiglia reale assira. Cercandovi la protezione del dio Sin,  i rifugiati radunarono ciò che restava dell’esercito assiro e proclamarono un membro della famiglia reale – anch’egli rifugiato – “re di Assiria”; ma il dio che, da tempi…

Dettagli

“In Giove si vedrà il suo volto, il Signore verrà da sud”

Fra i testi puramente astronomici tradotti e senza dubbio studiati, c’erano linee guida per osservare l’arrivo di Nibiru e per riconoscerlo non appena compariva. Un testo babilonese che conteneva ancora l’antica terminologia sumera affermava: Pianeta del dio Marduk: Al suo apparire SHUL.PA.E; Al sorgere di trenta gradi dell’arco celeste, SAG.ME.NIG; Quando si trova al centro del…

Dettagli

Strade celesti … dagli egizi agli arabi passando per gli ebrei

Come abbiamo più visto nei libri di Massimo Barbetta gli antichi Egizi descrivevano dei “corridoi, condotti, cunicoli” chiamati QERRT in geroglifico. Attraverso essi si spostava la “Barca di Ra”nel suo viaggio all’interno del Duat per raggiungere “l’isola del fuoco o ” isola delle fiamme”, patria degli déi, posta nella profondità dell’Abisso cosmico del “NU”. Nel “libro dell’Amduat”…

Dettagli

Le profezie parlano del ritorno del Signore: Nibiru

Avendo inserito nel capitolo introduttivo della Genesi una versione ridotta dell’Epica sumera della Creazione, la Bibbia aveva riconosciuto di fatto l’esistenza di Nibiru e il passaggio periodico del pianeta in prossimità della Terra; la considerava come un’altra manifestazione – in questo caso celeste – di Yahweh come Dio Universale. William Blake, Job Rebuked by His Friends,…

Dettagli

Tempio di Gerusalemme consacrato a “Colui che dimora nella nube”

La Bibbia non offre spiegazioni né in merito alla proibizione di usare il ferro in qualsiasi forma, né in merito alla scelta di rivestire d’oro l’interno del tempio di Gerusalemme. Si può solo ipotizzare che il ferro fosse bandito per le sue proprietà magnetiche, mentre l’oro era ideale, perché è il miglior conduttore elettrico. È significativo…

Dettagli

La costruzione del tempio di Yahweh

Quando iniziò l’ultimo millennio a.C. la comparsa del segno della croce annunciava il Ritorno. Fu allora che un tempio dedicato a Yahweh a Gerusalemme legò per sempre il suo sito sacro al corso degli eventi storici e alle attese messianiche dell’umanità. Il luogo e il momento non erano una coincidenza: l’imminente Ritorno imponeva di rinchiudere in…

Dettagli

Il pianeta del Signore Anu: “È sorta l’immagine del creatore”

I testi sumeri che narrano degli eventi più importanti nella saga dell’umanità forniscono indicazioni precise relative alle apparizioni periodiche del pianeta degli Anunnaki – che si verificarono approssimativamente ogni 3600 anni – e sempre in concomitanza di congiunzioni cruciali nella storia della Terra e dell’umanità. Fu in questo periodo che il pianeta venne chiamato Nibiru, e…

Dettagli

Nibiru: il segno della croce

All’epoca dell’Esodo i riferimenti zodiacali erano più forti in relazione all’Era dell’Ariete (e del suo dio!), e diventarono oracolari e profetici allorché il veggente Balaam vide il Futuro, quando vennero invocati i simboli delle costellazione zodiacali del Toro e dell’Ariete (giovenchi e arieti per sette sacrifici) e del Leone (quando si udiranno le Trombe Reali ad Israele).…

Dettagli