Tiahuanacu: la Baalbek del Nuovo Mondo

Quando gli Anunnaki, guidati da Ea/Enki, sbarcarono sulla Terra per estrarre l’oro necessario a proteggere l’atmosfera del loro pianeta, avevano programmato di estrarlo dalle acque del Golfo Persico. Quando si resero conto che le quantità estratte non erano sufficienti, spostarono le operazioni di estrazione nell’Africa sud orientale e fusione e raffinazione nell’E.DIN, la futura Sumer. Il…

Dettagli

Saluti alla Terra: è ora che gli dei Anunnaki tornino su Nibiru

Ezechiele, sacerdote di Yahweh a Gerusalemme, era fra gli aristocratici e gli artigiani costretti all’esilio, insieme al re Gioacchino, dopo il primo attacco di Nabucodonosor a Gerusalemme nel 598 a.C.  Vennero deportati nella Mesopotamia settentrionale e si insediarono nel distretto del fiume Chebar, a poca distanza da Haran, loro patria ancestrale. Fu lì che Ezechiele…

Dettagli

Quando gli dei lasciarono la terra

La partenza degli Anunnaki dalla Terra fu un evento drammatico, accompagnato da teofanie, fenomeni insoliti, ripensamenti degli dèi e sciagure che colpirono l’umanità. Anche se ha dell’incredibile, la loro partenza è ampiamente documentata. Le prove ci giungono dal Vicino Oriente e dalle Americhe; alcuni dei documenti più espliciti e certamente più intensi provengono da Haran. Queste testimonianze…

Dettagli

Atalu Shamshi: le eclissi di Sole e le eredità degli astronomi dell’Antica Mesopotamia

Né Nabucodonosor, né i suoi tre discendenti (uccisi o deposti poco dopo essere saliti al trono) vissero per vedere l’arrivo di Anu a Babilonia. In realtà, questo evento non si verificò mai, pur se Nibiru fece ritorno. È un dato di fatto che le tavolette astronomiche di quel periodo riportano osservazioni concrete di Nibiru, ossia…

Dettagli

L’eredità di Sumer Akkad

La sorprendente catena di eventi successivi alla caduta dell’Assiria ebbe inizio con la fuga ad Haran di membri della famiglia reale assira. Cercandovi la protezione del dio Sin,  i rifugiati radunarono ciò che restava dell’esercito assiro e proclamarono un membro della famiglia reale – anch’egli rifugiato – “re di Assiria”; ma il dio che, da tempi…

Dettagli

“In Giove si vedrà il suo volto, il Signore verrà da sud”

Fra i testi puramente astronomici tradotti e senza dubbio studiati, c’erano linee guida per osservare l’arrivo di Nibiru e per riconoscerlo non appena compariva. Un testo babilonese che conteneva ancora l’antica terminologia sumera affermava: Pianeta del dio Marduk: Al suo apparire SHUL.PA.E; Al sorgere di trenta gradi dell’arco celeste, SAG.ME.NIG; Quando si trova al centro del…

Dettagli

Strade celesti … dagli egizi agli arabi passando per gli ebrei

Come abbiamo più visto nei libri di Massimo Barbetta gli antichi Egizi descrivevano dei “corridoi, condotti, cunicoli” chiamati QERRT in geroglifico. Attraverso essi si spostava la “Barca di Ra”nel suo viaggio all’interno del Duat per raggiungere “l’isola del fuoco o ” isola delle fiamme”, patria degli déi, posta nella profondità dell’Abisso cosmico del “NU”. Nel “libro dell’Amduat”…

Dettagli

Le profezie parlano del ritorno del Signore: Nibiru

Avendo inserito nel capitolo introduttivo della Genesi una versione ridotta dell’Epica sumera della Creazione, la Bibbia aveva riconosciuto di fatto l’esistenza di Nibiru e il passaggio periodico del pianeta in prossimità della Terra; la considerava come un’altra manifestazione – in questo caso celeste – di Yahweh come Dio Universale. William Blake, Job Rebuked by His Friends,…

Dettagli