Sogmatar – La città dei sette templi

Le rovine di Sogmatar si trovano a circa 57 km dalla antica città di Harran nel sud-est dell’Anatolia tra il Tigri e l’Eufrate, vicino al confine con la Siria. È noto che Harran era una roccaforte della tradizione ermetica e sede di una delle principali università occulte nel mondo antico. Sogmatar è sicuramente una tra…

Continua a leggere

Patterns of Evidence: Exodus

Uno dei periodi storici più dibattuti, dal punto di vista archeologico, è quello dell’Esodo, del quale non c’è notizia nelle cronache egiziane del tempo, malgrado l’eccezionalità degli eventi provocati dalle piaghe d’Egitto. Le vicende della conquista della Palestina da parte di Giosuè sarebbero invece completamente smentite dai reperti archeologici: gli scavi effettuati a Gerico non…

Continua a leggere

La telenovela del VA243

Confesso che inizio a sentirmi un po’ imbarazzato dal quello che definirei ‘il caso X’. Questo individuo che dal nulla, da qualche mese, si è messo in testa di cercare di confutare la teoria di Sitchin, si sta rendendo protagonista di discussioni che vanno sempre più scadendo nel ridicolo e che puntualmente si concludono con…

Continua a leggere

Una rivisitazione della cronologia della terra

Mentre mi trovavo a Baku e rileggevo alcuni passi del Earth Chronicles Handbook mi venne in mente che molti eventi raccontati nei libri di Sitchin erano stati lasciati fuori dalla cronologia che lui offre in un paio dei suoi volumi; inoltre, per alcune datazioni, offriva certi avvenimenti ma ne tralasciava altri…. non solo, non arrivava…

Continua a leggere

La canzone sumera più antica del mondo

Nei primi anni 1950, gli archeologi hanno portato alla luce numerose tavolette di argilla del 14° secolo a.C. Nella antica città siriana di Ugarit, tra gli altri contenuti è stata trovata questa scritta con segni cuneiformi in lingua hurrita”, che si è rivelato essere il pezzo più antico conosciuto di musica, mai scoperto, un inno…

Continua a leggere

I Sumeri: la prima birra

La birra, come generica bevanda ottenuta con la fermentazione di cereali, è di antichissime origini. La sua scoperta deve essere avvenuta in modo autonomo e parallelo in diverse località in un momento pieno del Neolitico, intorno se non prima del VI millennio a.C., attraverso la casuale osservazione del fenomeno per cui, lasciando dei larghi contenitori…

Continua a leggere

La parte linguistica

Di seguito vorrei trattare il tema della relazione tra lingua sumera e altre lingue, del passato e non, in riferimento alla nozione generalmente divulgata dagli accademici secondo i quali il sumero è una ‘lingua a se’ isolata dalle altre, che ha si influenzato le successive, ma senza avere con esse relazione. Il discorso è completamente…

Continua a leggere

Inno sumero alla zappa, il lavoro nobilita l’uomo

Il lavoro appartiene alla condizione umana dell’uomo, non è ne punizione ne maledizione. Secondo la mitologia sumera prima dell’uomo esisteva un tempo in cui una parte degli dèi era obbligata al duro lavoro. Gli dèi minori dovevano lavorare la terra e provvedere al sostentamento dei loro progenitori, fino al giorno in cui i grandi dèi…

Continua a leggere

Il re del paese di Accad (2334-2154 circa a.C.)

Fin dai tempi più antichi, la Mesopotamia è abitata da popolazioni diverse per etnia e lingua come i Sumeri e gli Accadi. I Sumeri, gli inventori della scrittura, probabilmente giungono nella terra «tra i due fiumi» da Oriente, ma la loro origine è ancora oggi sconosciuta. Essi si stabiliscono nella parte meridionale della Mesopotamia, creano…

Continua a leggere

La Stele di Harran ‘Adda Guppi’

Il Canone di Tolomeo, come la Stele Adda Guppi, menziona cinque re della dinastia neobabilonica che governarono prima della conquista da parte di Ciro: Nabopolassar (21 anni) Nabucodonosor (43 anni) Evil-merodac (2 anni) Neriglissar (4 anni) [Labashi-Marduk (9 mesi)] Non è incluso in queste registrazioni perché non regnò 1 anno intero. Nabonide (17 anni) Contando…

Continua a leggere

Le iscrizioni di Gudea (e Ur-Nammu)

Le iscrizioni che qui riporto, con traduzione, hanno un grandissimo valore storico. Sono le dediche che re Gudea, vissuto a cavallo del 2150 a.C. a Lagash dove regnò dal 2140 al 2120 a.C., e Ur-Nammu, vissuto a Ur dove regnò dal 2047 al 2030 a.C., hanno lasciato per le divinità delle quali hanno costruito o…

Continua a leggere

Un balbale per Ningishzidda

Un balbale è un tipo di composizione poetica in rima, spesso di lode, accompagnata da musica di sottofondo. Venivano cantate nelle cerimonie dedicate agli dei e nei festival regionali. Quello qui riportato è dedicato a Ningishzidda, divinità considerata tra le ‘minori’ nel pantheon sumero a mio avviso ingiustamente. A meno che non si siano letti…

Continua a leggere

La canzone dell’ebbrezza

C’è chi pensa che la civiltà sumera fosse estremamente seria e completamente rivolta ad agricoltura, costruzione di templi, conquiste di territori etc. In realtà la socialità per i sumeri aveva un ruolo fondamentale. I sumeri nutrivano un vero e proprio culto per i momenti in cui bevevano in gruppo, tanto che la birra era considerato…

Continua a leggere

Stele di Mesha

La stele di Mesha (nota nel XIX secolo come pietra moabita) è una pietra in basalto nero, situata in Giordania, che riporta un’iscrizione effettuata nel IX secolo a.C. da re Mesha dei Moabiti. L’iscrizione, risalente all’840 a.C., contiene un memoriale delle vittorie di Mesha su “Omri re di Israele” e sul figlio, che aveva oppresso…

Continua a leggere

Le leggi dei Sumeri

I Sumeri, la cui origine è sconosciuta, vissero in Mesopotamia per oltre mille anni tra il IV e il III millennio a.C. Inventarono la scrittura, costruirono grandi città ed elaborarono la prima raccolta di leggi. Le leggi sumere sono caratterizzate da una grande mitezza. È completamente assente la legge del taglione (occhio per occhio, dente…

Continua a leggere

Il cilindro di Ciro

Il cilindro di Ciro è un blocco cilindrico di argilla che contiene un’iscrizione in accadico cuneiforme del re Ciro II di Persia (559-529 a.C.) con il quale il sovrano legittima la propria conquista di Babilonia e cerca di guadagnarsi il favore dei suoi nuovi sudditi. Il cilindro, interrato nell’ambito di un rito di fondazione, fu…

Continua a leggere

Gilgal Refaim

Le alture del Golan (in ebraico: רמת הגולן, Ramat HaGolan, arabo: الجولان, al-Jawlān) sono un altopiano montuoso, dell’estensione di circa 1.800 km2, con un’altitudine massima che supera i 2.000 metri, all’interno, o sui confini, di Israele, Siria, Libano e Giordania, conosciute anche come Gaulantide. Dal 1967 il termine è utilizzato generalmente per riferirsi a quella…

Continua a leggere

Shasu

Gli Shasu (dall’antico egizio Š3sw, probabilmente pronunciato Shaswe) erano popolazioni di pastori nomadi di lingua semitica del Levante. Le loro tracce durano dalla tarda età del bronzo alla prima età del ferro, o Terzo periodo intermedio dell’Egitto. Organizzati in clan dipendenti da un capo tribale, sono stati descritti come briganti attivi dalla Valle di Jezreel…

Continua a leggere

Stele del faraone Merneptah che menziona Israele

1 – Preambolo “Ma certe letture in giovinezza viziano più che insistere nel gioco d’azzardo. Il Faust di Goethe, e Dostoevskij, più degli altri poi corrompono dentro, e rovinano l’abitudine alla noia: preliminare qualità d’ogni rapida e cauta carriera bancaria. E senza cautela, negli archivi e tra innumeri libri, così io lettore di Goethe e…

Continua a leggere

Come l’uomo ha imparato a contare

I Sumeri e gli Elamiti Se consideriamo i reperti in nostro possesso, le più antiche forme conosciute di scrittura nacquero verso la fine del IV millennio a.C., non lontano dal golfo Persico, nella Bassa Mesopotamia (regione che si estendeva, per la quasi totalità, entro il bacino inferiore di due fiumi gemelli, il Tigri e l’Eufrate,…

Continua a leggere

Le sacerdotesse di Babilonia

È opinione comune, presso chi non ha studiato approfonditamente la storia e la religione del medio oriente, che la donna avesse un ruolo marginale quasi al limite della considerazione umana. Molti hanno addirittura l’idea che la donna, nell’antica Mesopotamia, fosse considerata alla stregua degli schiavi, che non avesse diritti, che fosse soltanto una ‘proprietà’ maschile.…

Continua a leggere

Iscrizioni di Bisotun

Le Iscrizioni di Bisotun (note anche come Bisitun o Bisutun, persiano moderno: بیستون ; persiano antico: Bagastana, che significa “luogo o terra di Dio”) sono delle iscrizioni multi-lingue situate sul Monte Behistun nella regione iraniana di Kermanshah, in provincia di Harsin. Le iscrizioni sono composte da tre versioni dello stesso testo, scritte in caratteri cuneiformi in…

Continua a leggere

Il terzo tempio di Gerusalemme

(HE) “וַהֲבִיאוֹתִים אֶל-הַר קָדְשִׁי, וְשִׂמַּחְתִּים בְּבֵית תְּפִלָּתִי–עוֹלֹתֵיהֶם “וְזִבְחֵיהֶם לְרָצוֹן, עַל-מִזְבְּחִי: כִּי בֵיתִי, בֵּית-תְּפִלָּה יִקָּרֵא לְכָל-הָעַמִּים (IT) “Li condurrò sul mio monte santo e li colmerò di gioia nella mia casa di preghiera. I loro olocausti e i loro sacrifici saliranno graditi sul mio altare, perché il mio tempio si chiamerà casa di preghiera per tutti…

Continua a leggere

La tavola assira K.3558

A lungo i critici di Sitchin hanno sostenuto che i testi cui lui fa riferimento siano inesistenti, non rintracciabili, o quando rintracciabili, la loro traduzione è sostanzialmente diversa. Uno dei testi più criticati è la tavola K.3558 che Sitchin usa, a sostegno del sigillo VA243, per affermare che in antichità in mesopotamia si fosse perfettamente…

Continua a leggere

Radiografia del passato

Le conoscenze tecnologiche in possesso dell’uomo in tempi remoti sono state sempre sottovalutate, tanto da ritenere che la civiltà non sia in realtà più vecchia di quanto si crede; inoltre non è mai stata considerata seriamente l’ipotesi che tali conoscenze possano essere giunte da fonti sconosciute estranee alla Terra.Sembra che l’uomo si sia coperto gli…

Continua a leggere

Il reperto sumero-assiro WAK8535

Ritengo opportuno con questo articolo provare a gettare luce su un reperto archeologico molto controverso, l’oggetto catalogato WAK8535. Si tratta di un oggetto stranissimo, analizzato da Zecharia Sitchin in profondità, anche se personalmente ritengo che abbia tralasciato nella sua analisi uno ‘spicchio’ fondamentale. Tale oggetto è diviso in 8 ‘spicchi’ ognuno dei quali contenente dei…

Continua a leggere

Monte d’Accoddi e l’Esagila

Ho accennato, nel mio articolo dedicato alle origini della civiltà sarda, alla caratteristica principale del monumento preistorico presente della provincia di Sassari, Monte d’Accoddi: la sua somiglianza con una zigguratt mesopotamica. Più volte i lettori mi hanno scritto per segnalarmi che sarebbe stato il caso di corredare questa mia analisi di immagini esplicative. Non mi…

Continua a leggere

Il volo nell’antichità

La civiltà vide l’alba nelle terre Afro-asiatiche; questo quantomeno l’assioma. Storie, leggende, miti, racconti, menzionano il luogo dove vivevano i “giusti”, i Neteru, gli Shemsu Horo, i “Guardiani” giunti sulle “barche celesti”; il popolo de “razzi scintillanti” citati dai Sumeri. Coloro che abitavano l’E.DIN, tradotto volgarmente in EDEN; il giardino nel quale la divinità forgiò…

Continua a leggere

Giochi di parole nei nomi sumeri

Già diverse volte nei miei articoli ho fatto notare come la lingua sumera si presti a una serie di giochi di parole che sfocia, in determinati casi, nella impossibilità di stabilire l’esatto significato di un nome o termine. Questa caratteristica della lingua sumera ha più volte mandato in errore i traduttori i quali, a seconda…

Continua a leggere

L’importanza del cuneiforme

Nello studio di una lingua come il sumero, ma anche delle lingue mediorientali successive come accadico e babilonese, generalmente si usa un approccio che si basa su tre fasi: l’apprendimento delle regole linguistiche quali prefissi, suffissi, casi, declinazioni; l’apprendimento di singoli termini o di frasi in caratteri romani, con o senza annotazioni numeriche / accenti…

Continua a leggere

Il termine “Anunnaki”

Anunnaki ed Igigi Anunnaki e Igigi sono due termini ricorrenti nella mitologia mesopotamica, descrivono quelle che noi attualmente consideriamo essere state le divinità sumere e accadiche, nonché mesopotamiche. Questi termini, in particolare Anunnaki, vengono usati sia nella letteratura sumera sia in quella babilonese, quest’ultima continuando ad utilizzare i lemmi ed i glifi sumeri, senza cioè…

Continua a leggere

I resti proibiti di remote civiltà

Nel rivisitare il nostro passato si deve considerare che i vincitori tendono a riscrivere la storia a loro misura, modificare ed occultare alcuni eventi per il proprio tornaconto, diviene quindi ovvio supporre e dedurre che quanto scritto e narrato sulle vicende umane sia stato oggetto di possibili distorsioni di comodo. Chi ha raggiunto una posizione…

Continua a leggere